PROCESSO ALL’EUROPA:               un processo teatralizzato per diffondere fra i giovani i valori dell’Europa

PROCESSO ALL’EUROPA: un processo teatralizzato per diffondere fra i giovani i valori dell’Europa

Venerdì 10 Maggio alle ore 20.45 i Cantieri Teatrali Koreja, convenzionati con ADISU Lecce per la fornitura di biglietti e/o abbonamenti a prezzo ridotto per studenti universitari, ospitano, per il quarto anno consecutivo, PROCESSO ALL’EUROPA (ingresso gratuito e a posti limitati. Prenotazione obbligatoria).Riparte il KorejaLab, il progetto di Koreja dedicato ai giovani e al territorio con l’obiettivo di favorire il processo di crescita culturale, sociale, economica e professionale delle nuove generazioni e dare, attraverso il teatro, un nuovo senso di appartenenza civica e di cittadinanza attiva.

PROCESSO ALL’EUROPA

un processo teatralizzato per diffondere fra i giovani i valori dell’Europa

Il processo in versione teatrale, pensato e fortemente voluto dal Senatore Alberto Maritati, realizzato a Lecce insieme al Teatro Koreja, quest’anno rientra in Europa a Teatro, un progetto nazionale, co-finanziato dal Parlamento Europeo, azioni di comunicazione in supporto delle Elezioni Europee 2019, nato dalla volontà di portare a teatro il format di simulazione ludico-creativo Processo all’Europa implementato, con successo, in diverse città italiane come Bologna e Roma. L’Obiettivo è quello di incrementare il livello di conoscenza, interesse e fiducia nei confronti del Parlamento Europeo e della sua missione e, più in generale, delle istituzioni europee.

Ascoltatele, si accendono le stelle, questo il titolo della messa in scena, ispirato alle parole di Vladimir Majakovskij celebre poeta, scrittore, drammaturgo e regista teatrale sovietico. Uno spettacolo-processo in cui l’Europa è chiamata a rispondere del suo operato. In scena, oltre allo stesso Senatore Maritati in veste di Pubblica Accusa e Collegio Giudicante, attori professionisti e giovanissimi allievi provenienti da alcuni Istituti Scolastici Leccesi. Il laboratorio teatrale da cui nasce lo spettacolo è stato curato da Koreja con la direzione di Giulia Maria Falzea.

Quattro secoli fa un appena ventenne William Shakespeare si interroga su quanto sia utile l’Europa agli Europei, su quali europei possano e debbano essere considerati tali e se l’Europa debba essere giudicata da chi e come. In un caleidoscopio storico è proprio la patria del padre del teatro che fa le valigie e va via. 

Il progetto di quest’anno prevede la possibilità per il pubblico partecipante di esprimere il proprio voto sulla condanna o assoluzione dell’Europa attraverso il sitowww.europaateatro.com

Il progetto rientra in STRADE MAESTRE 2018-2019, la stagione teatrale organizzata da Koreja realizzata con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Unione Europea, Regione Puglia Assessorato Industria Turistica e Culturale, Piiil Cultura – FSC Fondo per la Coesione 2014-2020. Partner Provincia e Comune di Lecce. Con il contributo di Teatro Pubblico Pugliese e Adisu Puglia.