4° BANDO DELLA LEGGE 338/2000. APPROVATI I PROGETTI DELL’ADISU PUGLIA PER LE RESIDENZE FRESA E EX-NAUTICO.

4° BANDO DELLA LEGGE 338/2000. APPROVATI I PROGETTI DELL’ADISU PUGLIA PER LE RESIDENZE FRESA E EX-NAUTICO.

Oggi si avviano i confronti per il nuovo bando. L’Adisu Puglia pronta a presentare la progettazione per Lecce.

In corso a Roma, presso la sede dell’ente regionale per il diritto allo studio e la promozione della conoscenza (DiSCo), l’incontro con il Prof. Catalano al fine di illustrare gli aspetti più significativi del prossimo bando della Legge 338/2000.

Questa legge è nata per consentire il concorso dello Stato alla realizzazione di interventi necessari per l’abbattimento delle barriere architettoniche, per l’adeguamento alle vigenti disposizioni in materia di sicurezza e per la manutenzione straordinaria, il recupero e la ristrutturazione di immobili già’ esistenti, adibiti o da adibire ad alloggi o residenze per gli studenti universitari, nonché di interventi di nuova costruzione e acquisto di aree ed edifici da adibire alla medesima finalità.

L’Adisu Puglia ha già partecipato al 4° Bando della Legge emanato nel 2016. A conclusione della valutazione da parte della Commissione Ministeriale sono state pubblicate lo scorso marzo le graduatorie che vedono il progetto relativo all’efficientamento energetico del collegio “Fresa”, in Via Colajanni, a Bari classificato al primo posto, per un importo di cofinanziamento di €. 488.730,00.

Altro progetto approvato è quello relativo al restauro e recupero funzionale a residenza universitaria dell’ex Istituto nautico in Via Abate Gimma, sempre a Bari, che si è classificato al sesto posto per un importo di cofinanziamento di Euro 4.512.000,00.

Bari diventa sempre più città a misura di universitari. La rete di ospitalità studentesca garantita dall’Adisu Puglia si arricchirà nei prossimi anni di una nuova casa dello studente. Sarà collocata in pieno centro, nella via Abate Gimma, nella zona del Tribunale, il cuore del quartiere Libertà. Si tratta dell’antico Istituto Nautico, un edificio prezioso anche dal punto di vista architettonico tanto da essere sottoposto a vincolo e tutela della Soprintendenza alle Belle Arti. Un progetto ambizioso, che porterà l’Adisu Puglia ad offrire 80 posti letto previsti tra camere single e doppie, e 4 posti riservati a portatori di handicap in un immobile storico completamente ristrutturato ed adeguato ad ogni norma. La nuova casa dello studente sarà dotata di sale riunioni, sale studio, biblioteca, auditorium, servizi agli studenti, bar e ogni altra dotazione che consenta connessioni alla rete ed utilizzo di tutte le moderne tecnologia.

L’emanazione del bando concorsuale della legge 338/2000 consentirà, dunque, di dare concretezza ai più complessi piani di sviluppo della residenzialità universitaria arricchendo e integrando la qualità dell’offerta anche nelle altre sedi regionali, cominciando dalla sede di Lecce.